Five questions to Ted White (sci-fi author, novelist, Hugo Award 1968)

Ted-White-2007
Meeting People Is Easy. Five questions to Ted White (sci-fi author, novelist, Hugo Award 1968).

January 11, 2016

For Meeting People Is Easy, this time we had a very special five-questions interview with one of the most noticed author and novelist of the sci-fi genre. I’m talking about Ted White. Since the time he was a teenager, he has been a prolific contributor to science fiction fanzines, firstly becaming a well-kown fan publishing Stellar and Void and later starting to work as an editor of Amazing and Fantastic. In the meanwhile, he was never just a passive reader. He told us that, ‘Once I became a fan, I was an active writer, editor and artist.’ Since 1962 he started selling stories to If and Amazing and in the 1968 he won the prestigious Hugo Award for Best Fan Writer. Active as a radio deejay in the seventies as ‘Dr. Progresso’, Ted is also passionate about music (especially art-rock and progressive rock) wich an emphasis on Italy’s progressive rock of the ’70s. We asked him about how and when he became a fan of SF and later had his entrance into the SF community and of course about his jobs as author and novelist and about one of his famous character, the Android Bob Tanner. Thank you again for your courtesy Ted. It was a pleasure (Italian version below).

1. Hi Ted! First of all, thanks for answering to my questions and let me say that I really appreciate your courtesy. This will probably also introduce my first question. In fact, you’re a well-known sci-fi author (winning among the other things the prestigious Hugo Award in 1968), but – not at all – through the years you also wrote and had a collaboration with many fanzines, newspapers and magazines dedicated to the science-fiction. So, is it correct to define yourself as a totally passionate and devoted personality to this genre? Do you consider being an author or a reader like they were actually two separated things or you just see a strictly connection between this two things? I couldn’t define myself a writer, cause I actually just write sometimes some sci-fi short stories, but in my opinion, I don’t believe there’s a straight separation between these two things. Tell us what you think about it and at this point, how do you relate with your readers and with the other sci-fi fanatics and authors.

It should be pointed out that my Hugo was awarded for my fanzine writings, not my professional writings.

I became a fan of SF around the age of 8 or 9; I read my first Heinlein juvenile at 9. I became a SF fan (a member of SF fandom) when I was 13. Fanzines prodded me to write — to learn to write — and gave me an entrance to the SF community of professional writers, artists and editors.  I became a well-known fan, published notable fanzines like STELLAR and VOID, and eventually co-chaired a World SF Convention — NyCon3 in New York City in 1967.

In 1959 I moved to NYC to become a jazz critic.  As such I became a staff writer for METRONOME magazine and met and made friends with many musicians.  In 1962 I started writing SF, selling stories to IF and AMAZING.  In 1963 I became the assistant editor of THE MAGAZINE OF FANTASY & SCIENCE FICTION, a position I held for five years.  Also in 1963 I sold my first SF book (with Terry Carr), and in 1964 my first solo novel, ANDROID AVENGER.  I averaged two books a year throughout the ’60s.  In 1968 I left F&SF to become the editor of AMAZING and FANTASTIC.

Throughout all this I was simultaneously a SF fan and a SF pro.  At the time the pros frowned on fans-turned-pro remaining active in fandom, but both Terry Carr and I did both, successfully.

Your question assumes a different dichotomy — between writers and readers.  I was never just a passive reader, an audience for writers. Once I became a fan, I was an active writer, editor and artist — for fanzines.  For some this is a hobby; for others it is a stepping-stone to professional writing.  For me it was both.

2. I recently read the first novel of the Android Tanner serie. Now I’m looking to go for the second, but at the moment I still haven’t  found it. By the way, I also had a discussion with other sci-fi readers about how things went at the time during the translation of the novel. Someone has got the opinion that these weren’t actually so accurate. It was like some parts were cutted up and many issues not treated in the right way. Do you want tell us anything more about this? Do you pay generally attention the way your works are translated and generally edited when they’re going to be published?

There are only two novels in that “series”:  ANDROID AVENGER and SPAWN OF THE DEATH MACHINE.  Both were published in Italy in 1979 as NATO D’UOMO E DI MACCHINA and LA SECONDA MISSIONE DI BOB TANNER (a rather stupid title), in URANIA.

I love Pop Italiana (Italy’s progressive rock of the ’70s) and own hundreds of Italian albums, but I can’t really read Italian (I just know a few words), so I have no idea how well my books have been translated or edited in Italian.  Such things are out of my hands, so I don’t worry about them — but of course I’d like my works to be well translated and well presented (and to sell well).

3. Let’s speak about the Android Tanner. He is half human and half robot. He’s got passions and feelings and his nature gives him some additional superpowers but also limitations he has necessearly to overcome to grantee him to survive. The way you describe this character and the happenings inside the novel makes me consider you like you were a sort of pioneer of a subgenre of the science-fiction that later it became very popoular. I’m talking about the cyberpunk. The society you describe it is ruled by a very conservative institutions and there’re censure, executions, mind-control. Who is not part of the system, they live in the suburbs and in practice they don’t have access to the life of the society. In this context, we have Bob Tanner, who is actually different from everyone else. He also is not part of the system and he has necessearly to overpass his problems and understand his true nature to survive. So he is a strange kind of messiah and he also had a travel in an Eden which really looks like a virtual reality. So I thought to some novels like ‘Neuromancer’ by William Gibson and authors like Philip K. Dick, John Shirley, K. W. Jeter. Do you like this authors? Do my considerations make sense? What does it rapresent the ‘Eden’ you wrote about in the novel?

I’ve known Bill Gibson since he was a teenaged fan (I met him in 1963), and I like his writing. I discovered John Shirley (publishing him in AMAZING and FANTASTIC) and consider him a friend. I’ve never read Jeter, but heard good things about him. But Phil Dick was at one time a friend and an inspiration.  I think you’re referring to the section in the book when Tanner meets the Bleekers as “an Eden,” although I thought it was dystopic — but the point of that sequence was to provide Tanner a contrast to the world he lived in. The talking briefcase was taken straight from Phil Dick. I had three influences when I wrote that book: Bob (Wilson) Tucker (Tanner was originally named “Tucker,” and the name was changed by an editor); Phil Dick; and Raymond Chandler, whose books I reread as I wrote ANDROID AVENGER.

4. A few of people and of sci-fi fanatics in Italy know you’re also really passionate about music and that you also write of music with the alias ‘Dr. Progresso’. You describe yourself like a really fan of art-rock and progressive music and you wrote a lot also about some Italian bands of this genre! And you’re also part of a no-profit Society of Art Rock (The SOAR) established in the Washington, D.C. metropolitan area in 2004. Want you tell us something about this association? And – as consequence – also something about your work in relation to this project.

I was a radio deejay in the ’70s, as “Dr.Progresso,” playing progressive rock with an emphasis on Italian rock. I began performing in local venues as a musician (on alto and tenor saxes) in 1979, and had an ad hoc group known as Dr. Progresso & The Hired Assassins. In the mid-’80s I formed Barbara & The Bohemians, which improvised experimental rock. In 2004 my current band, Conduit, was formed.

SOAR is an organization devoted to presenting and promoting progressive rock of the non-commercial type. I’m not the founder, but I’ve been active in SOAR. Since my radio days I’ve been part of a loose community of musicians and music fans here in the Washington, D.C. area.

5. Back to ‘Android Avenger’. The plot is actually set in New York City in the year 2017. You wrote a lot of descriptions about how NYC was actually structured. You don’t describe a city which was growing up vertically. There were actually not flying car and people move themselves around the city travelling by moving roads and the main way of transport it is a great and magnificent underground lines system. This doesn’t look so bad, not? You wrote the book in the 1965 and now we are in the 2016. Do you see any connections between the New York City you wrote about and the United States nowadays?

The NYC in ANDROID AVENGER was an extension of the NYC I was then living in. Since then 50 years have passed. Things have changed in NYC, but not very much. No moving roads, but the best subway system in the country is still there and still expanding.

I don’t recall specifically dating the book, putting it in 2017, though.

All best,

Ted

—-

Questa volta per la sezione ‘Meeting People Is Easy’, abbiamo fatto cinque domande a una persona molto speciale, uno dei più grandi autori e scrittori di fantascienza. Sto parlando di Ted White. Sin da quando era solo un ragazzo, Ted è stato un grande contributore e attivo nel mondo delle fanzines, dapprima diventando molto conosciuto nel’ambiente per le sue pubblicazioni su Stellar e Void e successivamente come editor per Amazing e Fantastic. Nel frattempo, va detto, non è mai stato quello che si potrebbe definire un semplice lettore passivo. Come egli stesso ci dice in questa breve intervista, ‘Una volta che sono diventato un appassionato, sono diventato uno scrittore attivo, un editor e un artista.’ Entrato nel mondo della scrittura professionale, dal 1962 ha cominciato a vendere storie a If e Amazing e nel 1968 ha vinto il prestigioso premio Hugo come ‘Best Fan Writer’. Attivo come dj radiofonico durante gli anni settanta con l’alias di ‘Dr. Progresso’, Ted è anche un grande appassionato di musica (in particolare di art-rock e di musica progressive) con una particolare predilizione per la musica progressive italiani degli anni settanta. Gli abbiamo chiesto di quando e come è diventato un appassionato di fantascienza e di come successivamente abbia fatto il suo ingresso all’interno di questa grande ‘comunità’ e ovviamente anche dei suoi lavori come autore e scrittore e in particolare di uno dei suoi personaggi più famosi, l’androide Bob Tanner. Grazie ancora per la tua cortesia e simpatia Ted. È stato un piacere.

1. Ciao Ted! Grazie mille per aver accettato di rispondere alle mie domande. Apprezzo veramente moltissimo la tua disponibilità e la tua cortesia e proprio questa introduce probabilmente questa mia prima domanda. Voglio dire, tu sei sicuramente uno scrittore di fantascienza molto conosciuto (vincitore tra le altre cose del prestigioso Premio Hugo nel 1968), ma non solo. Nel corso degli anni infatti hai scritto e collaborato con un sacco di fanzine, giornali e riviste dedicate al mondo della fantascienza. Tanto che ritengo sia corretto definirti una persona totalmente appassionata, devota a questo genere letterario. Ti consideri principalmente uno scrittore oppure un lettore, consideri queste due cose separatamente o secondo te invece sono strettamente collegate? Per quant mi riguarda, anche scrivendo di tanto in tanto dei brevi racconti di fantascienza e non potendomi definire uno ‘scrittore’ a tutti gli effetti, le due cose sono sicuramente collegate. Ci dici che cosa pensi di questa cosa e anche di quello che è il tuo rapporto con i lettori e gli appassionati di fantascienza, oltre che gli altri scrittori.

Innanzitutto bisogna precisare che il Premio Hugo mi è stato assegnato per la mia attività di scrittore sulle fanzine e non per la mia attività professionale in senso stretto.

Mi sono avvicinato al mondo della fantascienza a otto-nove anni. Ho letto il mio primo romanzo per ragazzi di Heinlein quando avevo nove anni. Sono diventato un appassionato del genere (e un membro della sottocultura sci-fi) quando avevo tredici anni. Le fanzine mi hanno spinto a scrivere – mi hanno insegnato a scrivere – e nel tempo mi hanno introdotto all’interno della comunità sci-fi e mi hanno permesso di conoscere scrittori, artisti, editori. Così sono diventato abbastanza conosciuto nell’ambiente, tramite la pubblicazione di fanzine di successo come Stellar e Void e per aver co-diretto la World SF Convention – NyCon3 a New York City nel 1967.

Nel 1959 mi son trasferito a NYC dove ho cominciato a lavorare come critico di musica jazz. Subito dopo essere diventato parte dello staff del magazine Metronome, ho conosciuto e ho fatto amicizia con un sacco di musicisti. Nel 1962 ho cominciato a scrivere fantascienza, vendendo storie a If e Amazing. Nel 1963 sono diventato assistente all’editoria di The Magazine of Fantasy & Science Fiction, un ruolo che ho ricoperto per cinque anni. E sempre nel 1963 ho venduto il mio primo libro di fantascienza (scritto con Terry Carr), mentre l’anno dopo, nel 1964, il mio primo romanzo, ‘Android Avenger’. Ho scritto in media due libri all’anno durante gli anni sessanta. Nel 1968 si è conclusa la mia collaborazione con The Magazine of Fantasy & Science Fiction e sono diventato editor per Amazing e Fantastic.

Nel mezzo di tutte queste cose, sono stato contemporanemente sia un appassionato di fantascienza che uno scrittore a tutti gli effetti. A quel tempo i professionisti non avevano un’ottima considerazione di appassionati che nel tempo divenivano a loro volta degli scrittori e pure rimanendo attivi nel mondo delle fanzines, ma io e Terry Carr abbiamo lo abbiamo fatto e con grande successo.

La tua domanda mi pone davanti al quesito se esista una separazione tra scrittori e lettori. Per quanto mi riguarda, ebbene, non sono mai stato un lettore passivo, un semplice spettatore di altri scrittori. Una volta che sono diventato un fan, un appassionato, sono diventato allo stesso tempo uno scrittore attivo in prima persona, un editor e un artista – per fanzines. Per alcuni questa cosa può costituire un hobby, per altri invece un trampolino per la scrittura professionale. Per me invece è sempre stata tutte e due le cose.

2. Di recente ho letto il primo dei due romanzi della serie ‘Android Tanner’. Ora sto cercando di trovare il secondo, ma non sono ancora riuscito a entrarne in possesso. Ad ogni modo, nei giorni scorsi con altri appassionati di fantascienza abbiamo discusso di quelle che erano le modalità di traduzione delle opere nel corso di quegli anni. Secondo alcuni questo lavoro non era particolarmente accurato. Come se alcune parti delle diverse opere fossero tagliate e di conseguenza non trattate adeguatamente. Cosa ci puoi dire di questo aspetto? In generale ti occupi direttamente di come i tuoi lavori vengano tradotti oppure comunque editati prima della pubblicazione?

La ‘serie’ è composta da due soli romanzi: ‘Android Avener’ e ‘Spawn of the Death Machine’. Entrambi sono stati pubblicati in Italia nel 1979 con i titoli ‘Nato d’uomo e di macchina’ e ‘La seconda missione di Bob Tanner’ (un titolo veramente stupido) su Urania.

Amo la musica progressive italiana degli anni settanta e possiedo un sacco di dischi di musica italiana, ma non so parlare italiano (conosco solo pochissime parole), così non posso dirti nulla su come i miei libri siano stati tradotti e editati in lingua italiana. Alcune cose come questa sfuggono al mio controllo e allora preferisco non preoccuparmene più di tanto, anche se ovviamente vorrei sempre che i miei lavori venissero tradotti e presentati in maniera adeguata. Oltre che vendere bene.

3. Parliamo della serie dedicata alle avventure dell’androide Tanner. Bob Tanner è per metà umano e per metà una macchina. Ha delle passioni e dei sentimenti e come ogni essere umano, ma in virtù della sua natura particolare anche dei superpoteri e delle limitazioni che deve necessariamente superare per continuare a sopravvivere. Il modo in cui hai descritto questo protagonista e le vicende all’interno della storia, mi hanno fatto pensare al genere cyberpunk e al fatto che in qualche modo tu possa essere considerato uno degli iniziatori di un subgenere della fantascienza che poi nel tempo è diventato molto popolare. La società che descrivi del resto è governata da un istituzioni conservative e in un sistema in cui dominano la censura e il controllo del pensiero e le esecuzioni nei confronti di coloro il cui pensiero non è allineato sono praticamente all’ordine del giorno. Chi non è parte del sistema, di conseguenza, vive nella periferia delle grandi città e nella pratica è escluso dalla vita sociale. In questo contesto, ecco che abbiamo allora Bob Tanner, che per sua natura è differente da chiunque altro. Anche lui non fa parte del sistema e venutosi a trovare in una situazione di difficoltà dovrà necessariamente comprendere la sua reale natura per venirne fuori. In qualche  modo è una specie di messia e a un certo punto della storia viaggia anche in quello che è un Eden ideale, che somiglia moltissimo a una specie di realtà virtuale. Mi è stato invitabile pensare a ‘Neuromancer’ di William Gibson e autori come Philip K. Dick, John Shirley, K. W. Jeter. Apprezzi questi autori e scrittori di fantascienza? Ritieni che la mia analogia abbia senso? Che cosa rappresenta l’Eden di cui scrivi all’interno della storia?

Conosco Bill Gibson da quando ero praticamente un teenager (ci siamo conosciuti nel 1963) e apprezzo moltissimo i suoi lavori. Ho scoperto John Shirley (di cui ho pubblicato dei lavori su Amazing e Fantastic) e lo considero un caro amico. Non ho mai letto Jeter, ma ho sentito parlare di lui molto bene. Phil Dick invece per me è stato allo stesso tempo sia un amico che una fonte di ispirazione. Per quello che riguarda il romanzo, quando accenni al concetto di ‘Eden’, immagino tu ti riferisca a quella parte della storia in cui Tanner incontra i Bleeckers. Ebbene, il ruolo chiave di quella sequenza era quello di mostrare come Tanner prendesse coscienza dei forti contrasti che caratterizzavano il mondo in cui vive. Il linguaggio, di uso quotidiano, l’ho ereditato direttamente da Phil Dick. Sono state tre le mie principali fonti di ispirazione nello scrivere quel libro: Bob (Wilson) Tucker (il nome iniziale di Tanner era originalmente proprio ‘Tucker’, ma questo fu poi modificato su suggerimento di un editore), Phil Dick e Raymond Chandler. Stavo rileggendo i suoi libri in quel periodo..

4. In Italia pochi appassionati di fantascienza, sanno che tra le altre cose sei un grande ascoltatore di musica e che scrivi di musica con l’alias ‘Dr. Progresso’. Sei dichiaratamente un grande appassionato al genere art-rock e alla musica progressive e hai scritto un sacco anche di gruppi e artisti italiani del genere. Non solo. Fai parte di un associazione no-profit, la SOAR (Società of Art Rock), istituita a Washington D.C. nel 2004. Ci dici qualcosa di questa associazione? E ovviamente di quello che è il tuo lavoro e le tue attività in relazione a questo progetto.

Sono stato un radio deejay negli anni settanta come ‘Dr. Progresso’ e per lo più passavano in radio musica progressive e specialmente italiana. Successivamente ho cominciato a esibirmi in giro per i locali come musicista (come sassofonista di contralto e tenore). Questo succedeva nel 1979. Avevo un gruppo, si chiamava Dr. Progresso & The Hired Assassins. Nella metà degli anni ottanta, invece, formai i Barbara & The Bohemians con i quali davamo luogo a session improvvisate di musica sperimentale. Nel 2004, infine, si è formato la mia band attuale, denominata Conduit.

SOAR è un’organizzazione che ha lo scopo di discutere e promuovere la musica progressive al di fuori di ogni schema e logica di tipo commerciale. Non sono il fondatore dell’organizzazione, ma collaboro con loro attivamente. Sin dai tempi in cui lavoravo alla radio, ho sempre fatto parte di una vasta e variegata comunità di musicisti e appassionati qui a Washington D.C.

5. Parliamo ancora di ‘Android Avenger’. La storia è ambientata a New York City nell’anno 2017. All’interno del romanzo descrivi dettagliatamente la conformazione della città, che a differenza del solito e degli altri romanzi di fantascienza, non cresce in verticale. Non ci sono macchine che volano e gli abitanti della città si muovono adoperando delle strade mobili e grazie a un efficiente e spettacolare sistema di trasporto metropolitano. Non male, vero? Hai scritto il libro nel 1965 e adesso siamo nel 2016. Vedi una qualche connessione tra la NYC della storia e gli Stati Uniti dei nostri giorni?

In realtà la New York City di ‘Android Avenger’ era sostanzialmente un’estensione, un vero e proprio ampliamento della New York City in cui abitavo durante questi anni. Da allora sono passati cinquant’anni e a New York City sono cambiate un mucchio di cose, ma non così tante. Non ci sono strade mobili, ma quella di New York è ancora la migliore più grande e importante rete metropolitana del paese e questa continua a crescere giorno dopo giorno.

Non ricordo comunque di aver scelto all’epoca una ragione particolare per aver ambientato il romanzo nell’anno 2017.

Un abbraccio,

Ted

@sotomayor

Precedente Fox Millions Duo - Lost Time (Thrill Jockey Records, July 20, 2015) Successivo Pete Astor – Spilt Milk (Fortuna Pop, 08/01/2016)

Lascia un commento