Five questions to Darren Leland Grealish ~ Sculptor

12575921_1674250476181020_1116984347_n
Meeting People Is Easy. Five questions to Darren Leland Grealish ~ Sculptor.

January 18, 2016

Darren Leland Grealish is a well-known pop-artist specializing in concert posters, album art and illustrations. Strictly connected with the world of music, how could things actually be different, his art is surrealistic and psychedelic at the same time and it is appreciated by several artists he had the occasion to collaborate with and by The Rock and Roll Hall of Fame which puts its art catalog into the wing of their institution dedicated to printed material like posters, books, magazines and photos. More than this, he is also a very nice and brilliant person, he likes humour (‘I just like laughing and making people laugh’), he loves imagery and to keep in touch with talented and likeminded people. What else, guys. Let me say that this interview for me it was not just the occasion to know something more about his arts and how his creative process works (and about visual arts in general), but also a way to know something more about myself. So, just great. Thank you again Darren (Italian version below).

1. Hi Darren. First of all, I want to thank you for releasing us this interview. I guess I couldn’t say that I’m so much into visual arts, so I consider this occasion also a way to improve my knowledge and to learn something new. So, let’s start. Want you tell us something about your art in general? When did you start and especially when you understood you wanted to make your art becoming a profession? Tell us what are actually your main influences.

Darren: My art in general has always been so unpredictable. All over the place which became my “Style.” I didn’t go to Art School but was so interested in art and would study what I saw. I knew what I liked and what I didn’t. The artists I did love I would really study what they did and try and figure out how they did it. What medium did they use? Was there any inspiration for the piece or was it an outburst of imagery from their brain? A statement. That is how I learned and trained myself. By studying others. Self taught in every sense. I always had the natural talent I was born with but never was able to hone my skills. I really didn’t know what I was doing early in my career. It’s taken me a long time to finally start settling into my own. I’m taking my time now and not rushing and really trying to make gains in my art. Attention to detail and application. My use of color palette and space. In art I do what I like and other people like it then cool. That can be difficult when I do a piece for a client or commercial art. I don’t do well with somebody else’s vision and art direction.

2. I saw some videos of your in which they show some phases of your work. They look fun. But how does your creative process work? I mean, generally, you first find an idea you want to realize and then you go on working on that, or you work without having any specific plan and just following your instinct? Do you think that there’s actually a great main concept behind your works? Are in some way your different works connected between them?

Darren:  I work 100% from my brain and soul. It’s all I have and it’s no fun doing exactly what another person wants. There are plenty of people who’ll do that for you. My creative process is this: I sit down behind my art table and lean back in my chair and look at the ceiling. I sit and think about what it is I’m going to do. I let me soul and my brain run wild on their own. It’s like a computer shooting out all kinds of imagery in my head. Millions of images and ideas flash in my minds eye. A psychedelic slide show. One after another and it’s like a slot machine in Las Vegas where the wheels are spinning and then all of the sudden one stops, then the other stops and then the last one stops and I have a concept that I like. I usually always have to keep searching my brain for more or better ideas and build on what I came up with first but that’s basically how it is. Then I have a massive reference library that I look through for potential additional ideas. It’s all is sort of painless. It comes to me. I may search a little but it’s more me opening up that channel and letting it take off by itself. I’m just the conduit from the universe, through me and to the tip of my pen.

Like writing a song. So yes, I do follow my instincts completely. The work I’m doing now I feel is my best and most important work by far. I’ve definitely grown as an artist.

3. You’re known for being a pop-artist specializing in concert posters, album art and illustration. You were actually also asked to include your art catalog into the Rock and Roll Hall of Fame. Just wow. How was that? I mean, I find this is just great. I’m not into art, I do actually a radically different job, but I’m curious to know something about how do you promote your work. Of course you don’t have something like a shop with a window on the street in which your works were showed. So I guess you necessarily need firstly to do your job well and second to receive good feedbacks and then make the so-called word of mouth working. Is it so? Have you ever had bad experiences? For example to keep into someone who wasn’t happy at all of your work or, possibly worst, with someone who made you work on something for a very long time without in the end coming to a some fucking conclusion.

Darren: The Rock and Roll Hall of Fame simply called me and asked if I would consider putting my art catalog into their new wing of their institution that was dedicated to printed material like posters, books, magazines, photos etc. They will take care of it forever by preserving it and archiving the pieces for future generations for perpetuity. It was pretty cool so I did it. When I’m dead and gone there’ll be a little piece of me left behind to prove I was here on this planet. Weird how you say you’re not into art and yet you ask me to do an interview about me and art. I‘m a bit confused but oh well. As far as how I get my art seen to sell it I do what the world does these days which is social media. I have a brand new website WWW.DARRENGREALISH.DESIGN, Instagram, Facebook, Pinterest, Google Plus, Twitter etc. To answer your question about if someone wasn’t happy with some art I did for them which can happen it’s like this. Always charge at least 50% down to start a job. Period. Time is valuable.

4. Which role has the music got in your art? You have been commissioned for acclaimed acts as Beck, David Bowie, The Brian Jonestown Massacre, Nick Cave… You think you were ever going to get into this kind of art if you were not interested in music? Which music do you listen to usually? Your favorite artists? Did you ever meet some of them? Do you want to tell us an story? You also did work for Fox television and the Disney Channel. Is this a kind of work radically different from working on concert posters, album art and psychedelic surreal illustrations?

Darren: How could I ever be interested in music related art if I was not into music? That would be pointless. I guess theoretically one could do that. There are actors who claim to hate acting but it would suck to be stuck doing something for your life work that you had no interest in hated it and just did it for the check. Yikes, no thanks on that. My whole life is music and I’m a musician as well and have been all my life. Music is my light.  My heart. I love a broad range of music from Iggy Pop and the Stooges, David Bowie, The Beatles, Jesus and the Mary Chain, Echo & the Bunnymen, Primal Scream, Little Richard, Elvis Presley, The Rolling stones, Brian Jonestown Massacre and so many more I can’t even type 1% of the bands I love, there’s too many. And to answer the second part of your question yes I have met so many artists and made good friends with a lot of them. Iggy, Lemmy, Arthur Lee, Sharon Jones, Sky Saxon and the list goes on for days. I like being around very talented people not because they’re famous but because I like being around talented and likeminded people. I’ll leave personal stories out. That’s private! As far as doing art jobs for Apple, Fox, Disney, Diesel Jeans and various corporate companies it is what it is. I will do commercial art and graphic design also for sure. It’s very constrained and stuffy but I’ll do it. It’s a good payday.

5. Ok. This could actually look like a not so serious question. I follow you on Facebook and I’m always much impressed and I also laugh really a lot for all the weird images you post on your homepage! Shit, they’re always hilarious and in some cases also ‘grotesque’. How do you find them. Tell me some of the keywords you use on the search engines. Swear us your secrets! But, more than this, do you take in some way some inspiration from these strange and weird images? The sense is different but, like Jim Morrison said, do you think that people are strange? You also try to show this in your works? There’s an hilarious view of life in your art? Last but not least, plans for the next future? Are you working on something particular right now?

Darren: I just like laughing and making people laugh. I love imagery. I will never understand how on Facebook you can post videos or photos of torture, murder and animal cruelty but if you show a woman’s naked body or nipple you will get banned for being inappropriate. I mean, that is insanity and nobody really mentions it or makes a big deal about that. WTF is that man? Our society is very sick. I always push my luck with Facebook and with prudes on purpose to piss them off. I don’t post grotesque photos in my opinion. I also don’t post gross photos to see if I can out gross people. I just post what I want and if people don’t like they can kiss my balls.

Darren Leland Grealish ~ Sculptor

logo_tiny

Chat Conversation End

12583884_1674250606181007_1873489164_n12575881_1674250489514352_398097177_n12571086_1674250596181008_2059793744_n12540464_1674250609514340_500325572_n12570855_1674250492847685_1127523780_n12544686_1674250612847673_28982344_o12540080_1674250496181018_1973657536_n12512091_1674250486181019_2082221958_n11204924_1675979226008145_5522405434798058187_n12516239_1674250502847684_1613889343_n12516514_1674250602847674_204334532_n12527648_1674250592847675_922195120_n12528158_1674250599514341_1477977992_n12573020_1675982079341193_6475325941332079094_n

Darren Leland Grealish è un artista ‘pop’ specializzato nella realizzazione di poster per concerti, album art e illustrazioni grafiche. La sua arte è strettamente connessa con il mondo della musica, come potrebbe essere altrimenti, e la sua arte è allo stesso tempo surreale e psichedelica. Apprezzato dai molti artisti con cui ha avuto l’opportunità di collaborare, la Rock and Roll Hall of Fame ha voluto inserire un catalogo dei suoi lavori all’interno della sezione dedicata a  materiale stampato come poster, libri, magazine e foto. A parte tutto questo, Darren è soprattutto una persona molto brillante e dotata di un fantastico senso dell’umorismo. Ama tutto quello che riguarda le immagini e entrare in contatto con persone dotate di talento e di apertura mentale. Che altro aggiungere. Solo che questa intervista per me non è stata solo l’occasione per entrare in contatto con un artista che apprezzo e sapere qualche cosa di più sul suo lavoro e su come funzioni il suo processo creativo, ma anche un modo per imparare qualche cosa in più su  me stesso. Perfetto. Grazie mille, Darren.

1. Ciao Darren. Per prima cosa, voglio ringraziarti per questa intervista. Non penso di potermi definire un grande conoscitore per quello che riguarda le cosiddette ‘arti visive’, quindi considero questa anche come un’occasione per accrescere il mio bagaglio di conoscenze e magari imparare qualcosa. Cominciamo. Ci vuoi dire qualche cosa in generale sulla tua arte? Come e quando hai cominciato, per esempio, e quando hai realizzato di voler fare della tua arte una professione? Dicci anche quali sono le tue principali influenze.

Darren. In generale la mia arte è sempre stata qualche cosa di imprevedibile e questa cosa è in qualche modo diventata il mio marchio di fabbrica. Non sono andato a scuola d’arte, ma l’arte mi ha sempre interessato e allora ho cercato di imparare da quello che vedo. Ho sempre saputo che cosa mi piace e che cosa non mi piace e allora ho cercato di studiare nel migliore dei modi quello che hanno fatto gli artisti che amo e cercare di capire in che modo questi svolgevano il loro lavoro. Che sistema hanno usato? Hanno usato una qualche fonte di ispirazione particolare o si sono semplicemente basati su delle immagini all’interno della loro testa? Una illuminazione improvvisa. È esattamente così che ho imparato. Ovviamente nel corso del tempo ho dovuto allenarmi. Ho studiato gli altri. Sono quello che si potrebbe definire un autodidatta. Ho sempre avuto un talento naturale. All’inizio della mia carriera, quando ho cominciato, non sapevo esattamente che cosa stessi facendo. Mi è servito un mucchio di tempo per realizzarlo e adesso che ci sto riuscendo, sto finalmente cominciando a guadagnare qualcosa con la mia arte. Presto un mucchio di attenzione ai dettagli e per quello che riguarda la scelta dei colori e la gestione dello spazio. Nella mia arte faccio sempre quello che mi pare e questo agli altri piace. Questo però succede difficilmente quando devo svolgere un lavoro su commissione per un prodotto di tipo commerciale. Non rendo al meglio nel realizzare l’idea e seguendo le direttive di qualcun altro.

2. Ho visto alcuni dei video nei quali mostri alcune fasi del tuo lavoro e sono rimasto molto colpito. Come funziona il tuo processo creativo? In genere parti da un’idea e poi cominci a lavorare cercando di realizzarla, oppure procedi senza avere nessun piano specifico e semplicemente seguendo il tuo istinto? Ritieni ci sia un grande concetto ricorrente nei tuoi lavori? Pensi che questi siano in qualche modo collegati tra di loro?

Darren. Il mio lavoro è al 100% una combinazione tra cervello e anima. È tutto quello che possiedo e non è affatto divertente fare esattamente quello che vogliono gli altri. Del resto c’è in giro un sacco di gente disposta a farlo. Il mio processo creativo è questo: mi siedo al mio tavolo da lavoro e mi appoggio allo schienale della poltrona a fissare il soffitto. Mi siedo e penso a che cosa ho intenzione di fare. Lascio che la mia anima e il mio cervello lavorino per conto proprio. A questo punto succede proprio come se una specie di computer mi sparasse dritto nella testa tutte le immagini possibili. Milioni di immagini e di idee lampeggiano nell’occhio della mia mente in quello che si potrebbe definire come un impazzimento di slide psichedeliche. Tutte queste immagini scorrono nella mia testa una dopo l’altra finché, proprio come una slot-machine a Las Vegas dove le ruote girano per poi fermarsi improvvisamente, tutto smette di scorrere e si ferma al punto esatto del concetto che mi piace. Di solito continuo comunque a ricercare nella mia testa per capire se posso avere delle idee migliori oppure come implementare quella che ho scelto, ma le cose comunque funzionano in questo modo. A parte questo ho una enorme biblioteca cui attingere per avere ulteriori idee potenziali. È un processo che definirei ‘indolore’, tutto succede nella maniera più naturale possibile. Potrei lavorare sulle mie idee per un tempo anche maggiore, ma francamente a questo punto preferisco lasciarmi andare. In un certo senso mi considero come una specie di tramite attraverso l’universo e nello spazio che separa me e la punta della mia penna.

È come scrivere delle canzoni. Quindi, sì, direi che non faccio altro che seguire il mio istinto. Tutte le volte penso sempre che il lavoro che sto facendo sia quello più importante. Mi considero in qualche modo definitivamente cresciuto come artista.

3. Sei conosciuto per essere un artista pop specializzato nella realizzazione di poster per concerti, album art e illustrazioni psichedeliche surreali. Tra i riconoscimenti che hai ricevuto c’è stato l’inserimento di un catalogo contenente i tuoi lavori nella Rock and Roll of Fame. Wow! Ci racconti com’è andata la cosa? Sono curioso, mi sembra una cosa fantastica. Poiché non sono artista, ma svolgo una tipologia di lavoro completamente differente, sono curioso di sapere qualche cosa su quella che è l’attività di promozione del tuo  lavoro. Ovviamente non hai un negozio con una vetrina sulla strada e nella quale esporre i tuoi lavori. Così immagino che tu debba in primo luogo svolgere il tuo lavoro nel miglior modo possibile e secondariamente ricevere buoni feedback e magari anche sfruttare quello che si potrebbe definire come ‘passaparola’. Funziona così? Hai mai avuto esperienze negative? Ad esempio qualcuno che non è stato contento del tuo lavoro oppure qualcuno che ti ha fatto lavorare su qualche cosa per un mucchio di tempo e senza alla fine concludere nulla.

Darren. Le cose con la Rock and Roll of Fame sono state molto semplici: mi hanno chiamato e mi hanno chiesto se fossi interessato a inserire le mie opere in questo nuovo settore della loro istituzione e dedicato al materiale stampato come poster, libri, magazine e foto. Si prenderanno cura dei miei lavori per sempre preservando e archiviando tutto per mostrarlo alle future generazioni nei secoli dei secoli. Mi è sembrata una cosa molto figa e quindi chiaramente ho accettato. Così quando sarò morto e sepolto rimarrà sempre e comunque un piccolo pezzo di me lasciato come testimonianza del mio passaggio di questo pianeta. Trovo strano tu dica di non occuparti di arte. Voglio dire, in questo momento stiamo facendo un’intervista su me stesso e la mia arte. Quindi sono un po’ confuso, ma va bene così. Per quanto riguarda la mia attività promozionale mi adeguo a come funzionano le cose di questi tempi. Ho un nuovo sito web: WWW.DARRENGREALISH.DESIGN e un profilo Instagram, Facebook, Pinterest, Google+, Twitter ecc. ecc. Per quello che riguarda quelle che potremmo definire ‘cattive esperienze’, ebbene, questa cosa può succedere. Mi faccio pagare sempre almeno il 50% prima di cominciare un lavoro. È una questione di tempo e il tempo è una cosa preziosa.

4. Che ruolo ha la musica nella tua arte? Hai lavorato a eventi per artisti come Beck, David Bowie, The Brian Jonestown Massacre, Nick Cave… Pensi che avresti mai potuto intraprendere questa strada senza essere innanzitutto un grande appassionato di musica? Che musica ascolti di solito? I tuoi artisti preferiti? Hai mai incontrato qualcuno di questi? Hai anche lavorato per la Fox e per Disney Channel. Si tratta di un lavoro completamente differente dalla realizzazione di arti grafiche e illustrazioni psichedeliche surreali per poster per concerti oppure album?

Darren. Non avrei mai potuto diventare in qualche modo interessato all’arte collegata alla musica se non fossi stato innanzitutto un grande appassionato di musica. La cosa non avrebbe avuto alcun senso altrimenti. Sì, credo che teoricamente sia possibile. Ad esempio ci sono un mucchio di attori che dicono di odiare la recitazione, ma per quanto riguarda ritengo debba essere terribile fare qualche cosa che non ti piace oppure che odi semplicemente per il compenso e la paga. Oddio, grazie mille, no. La musica è tutta la mia vita e sono io stesso un musicista e bene o male lo sono stato nel corso di tutta la mia vita. La musica è la mia luce, la mia principale fonte di ispirazione. Mi piace un sacco di musica: Iggy Pop e gli Stooges, David Bowie, i Beatles, i Jesus and Mary Chain, gli Echo & The Bunnymen, i Primal Scream, Little Richard, Elvis Presley, i Rolling Stones e i Brian Jonestown Massacre e ancora mille altri che pure volendo alla fine non arriverei  a nominare neppure l’1% degli artisti che amo. Sono troppi. E per rispondere alla seconda parte della tua domanda: sì, ho incontrato un sacco di questi artisti e con parte di questi sono diventato un buon amico. Iggy, Lemmy, Arthur Lee, Sharon Jones, Sky Saxon e potrei andare avanti ancora a lungo. Mi piace quando è possibile circondarmi con artisti di grande talento, e non perché questi siano famosi, ma per il semplice fatto che mi piace essere assieme a persone talentuose e con cui poter condividere idee ed esperienze. Lascerei quelle che sono le mie esperienze personali in tal senso fuori da questa conversazione, riguardano la mia sfera privata! Per quanto riguarda i lavori che ho fatto per la Apple, la Fox, la Disney e la Diesel Jeans e altre grandi società non c’è molto da dire. Faccio e farò anche arte commerciale e disegni di grafica. È un lavoro molto limitante e soffocante, ma è qualche cosa che continuerò a fare. È un lavoro ben pagato.

5. Ok. Questa apparentemente è una domanda poco seria. Ti seguo su Facebook e sono sempre molto colpito, rido un sacco per le strane immagini che posti sulla tua pagina! Sono veramente esilaranti e allo stesso modo, in alcuni casi, ‘grottesche’. Come le trovi. Dimmi quali sono le paroli chiave che adoperi sui motori di ricerca, dicci qual è il tuo segreto! Trai in qualche modo ispirazione da queste strane e bizzarre immagini? Utilizzo questa frase con un significato probabilmente diverso da quello originario, ma come diceva Jim Morrison, pensi che la gente sia strana? Cerchi di mostrare anche questo aspetto nei tuoi lavori? Ultima domanda, programmi per il futuro? Stai lavorando su qualcosa in particolare in questo momento?

Darren. Lo faccio per ridere e perché mi piace far ridere la gente. Adoro le immagini in generale. Non capirò mai la ragione per cui la gente usi Facebook per condividere video oppure fotografie di torture, omicidi e crudeltà sugli animali e come allo stesso tempo si possa essere censurati per la condivisione di contenuti inappropriati se si mostra il corpo nudo della donna oppure un capezzolo. Voglio dire, tutto questo è insano e qualche cosa che dovrebbe essere affrontato. Dove stiamo andando a finire? La nostra società è malato. Io faccio quello che mi pare su Facebook e a tutti questi bacchettoni dico semplicemente di andare a farsi fottere. Non posto foto grottesche a mio parere. Non posto foto scandaloso per tirare fuori dalla gente reazioni scandaloso. Faccio semplicemente quello che voglio e se alla gente non piace, beh, dite a queste persone che possono venire a baciarmi le palle.

Darren Leland Grealish ~ Scultore

logo_tiny

Chat Conversation End

@sotomayor

Precedente David Bowie ed il suo fascino abbagliante Successivo Robert Silveberg - The silent invaders, 1963

Lascia un commento