Bill Ryder-Jones – West Kirby County Primary (Domino Recording, November 06, 2015)

Bill_Ryder-Jones_-_West_Kirby_County_Primary
Bill Ryder-Jones – West Kirby County Primary (Domino Recordings, November 06, 2015)

Ho ascoltato questo disco a tempo perso. Cioè, non mi aspettavo di ritrovarmi al cospetto di uno di quei dischi indimenticabili e che potessero segnare questo mio particolare periodo, e va bene le cose stanno così, però in verità mi è piaciuto, tanto che lo sto ascoltando ancora adesso. Dico proprio in questo momento esatto.

Il nuovo disco di Bill Ryder-Jones, invero, è un disco inattaccabile. Divenuto famoso come chitarrista dei Coral, dopo aver lasciato la band Ryder-Jones si è cimentato in una carriera solista che probabilmente solo con questo disco ha trovato quella che si può definire una retta via dopo tentativi incerti e almeno discutibili. Voglio dire, chi ha veramente voglia di ascoltare un disco ispirato a ‘Se una notte d’inverno un viaggiatore’ di Italo Calvino (‘If…’, Domino Rec., 2011)

‘West Kirby County Primary’ (Domino Recording) invece è un disco tipicamente e fieramente british in cui il cantante e chitarrista del North West England riprende il discorso che aveva interrotto lasciando i Coral, facendo quello che probabilmente gli è più congeniale: scrivere canzoni folk che rimandano a sfumati paesaggi di campagna e prati all’inglese. Tipo un disco solista di Graham Coxon, non mancano delle venature garage quasi Stephen Malkmus (vedi ‘Two To Birkernhead’, il singolo e il pezzo più tosto dell’intero disco sicuramente), la voce grattuggiata e una certa attitudine rock’n’roll tipo Strokes (‘Put Id Down Before You Break It’, ‘Satellites’), oltre che rimandi inevitabili a certe atmosfere psichedeliche folk made in Uk (‘Seabirds’, la bellissima ‘Wild Roses’).

Come detto, è un disco inattaccabile. Se vi piacciono queste sonorità, lo considererete un piccolo gioiello, se no potete considerarlo come un semplice intrattenimento di una mezz’ora-quaranta minuti: il tempo che smette di piovere. A meno che non siate proprio in Inghilterra perché da quelle parti, si sa, non smette praticamente mai. Bella anche la copertina che riprende dei temi ‘garage’ e indie degli anni ottanta-inizio anni novanta. Intima, ingenua, forse persino stupida, ma allo stesso tempo giustamente irriverente.

@sotomayor

Precedente The High Dials - In the A.M. Wilds (Fontana North/Universal, February 03, 2015) Successivo Five questions to Enrique Ricky Maymi (The Brian Jonestown Massacre, musician and producer, right now working in Beijing, China with Gate to Otherside and Birdstriking)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.